Usa, rinviato casinò online

Alessandra Manzari Jul 13 2011:
Usa, rinviato casinò online

In Italia sono giornate frenetiche, soprattutto a piazza Mastai a Roma, per concedere tutte le autorizzazioni necessarie al debutto dei casino online nella prima data utile autorizzata per la raccolta, ossia a partire da lunedì 18 luglio. Invece negli Stati Uniti ci si muove faticosamente in questa direzione e, dopo l’ottimismo derivante dalle iniziative che nascono qua e là, arriva ora la doccia fredda. In dettaglio, il Distretto di Columbia ha rinviato perlomeno a ottobre il lancio del suo primo casinò online. Sarebbe la prima giurisdizione degli Stati Uniti a introdurre una legislazione in materia di poker online e di altri giochi tipici dei casinò terrestri, e il lancio dovrebbe avvenire su una piattaforma di gioco valida solo a livello intrastatale: igamingdc.com.

La previsione di ottobre, inoltre, è ottimistica, in quanto c’è chi come il membro del consiglio Jack Eals suggerisce addirittura che il debutto potrebbe essere ritardato al 2012. Sulla strada del casinò online columbiano si frappongono dunque numerosi ostacoli: politici, perché è noto che il legislatore medio americano non guarda di buon occhio il gioco online, ma anche tecnici, derivanti dall’implementazione di un sistema intrastatale la cui redditività è anche tutta da dimostrare.

Un po’ come è accaduto in Spagna, dove dopo innumerevoli ostacoli è stata finalmente approvata la legge sul gioco online che pone fine a lungo limbo del quale si sono giovati soprattutto gli operatori, ma che prevede un rilascio di licenze a livello di comunità, il che potrebbe scoraggiare gli operatori, specie a fronte dei massicci investimenti previsti. Teniamoci dunque ben stretto il sistema italiano, dove nei prossimi giorni avremo casinò online come Ladbrokes e Intralot.


Lasciaci un commento

invia