I casinò online per l'occupazione

Raul della Vale Mar 15 2010:
I casinò online per l'occupazione

L’Irlanda punta fortemente sui casinò online e, in vista della ormai prossima approvazione della legge che li regolamenterà, fa i conti dei posti di lavoro che si andranno a creare.

Conti ricchi, visto che se ne pronosticano almeno ottomila di nuovi, se la legge, che dovrebbe essere varata entro la fine di marzo, creerà un sistema anche fiscale che permetterà di attrarre imprese estere e così di creare ulteriore gettito fiscale per le casse dell’erario.

Secondo un recente rapporto della dublinese Dkm Economic Consultants, infatti, se l'Irlanda dovesse acquisire anche solo il 5 percento del business globale dei casinò online, si tratterebbe di un valore di 2,2 miliardi di euro, in grado di generale dai 5mila agli 8mila posti di lavoro con uno stipendio medio di 40mila euro annui. Molti di questi posti di lavoro andrebbero a esperti informatici, contabili e analisti.

Questa nuova industria avrebbe anche effetti significativi in termini di domanda di telecomunicazioni, centri dati, servizi energetici, per non parlare dell'accresciuto potere d'acquisto locale.

Finora l'Irlanda non è riuscita a modificare una legge del 1956, la Gaming and Lotteries Act, il che le avrebbe consentito di aprire le porte a una industria assai fiorente. David Hickson, direttore della Gaming and Leisure Association e amministratore delegato del Fitzwilliam Card Club, afferma che finora il problema è stato quello di trovare ministri di governo disposti a firmare una nuova normativa. Per Hickson, però, il tempo ha un'importanza vitale.

Paesi come la Francia e la Spagna hanno già visto il potenziale dei casinò online e stanno preparando un regime fiscale favorevole così da attrarre gli investimenti, quindi anche l’Irlanda deve sbrigarsi. E veniamo ai suggerimenti del giorno: i casinò che sottoponiamo al vostro mouse sono Prime Casinò ed Everest Casinò.


Lasciaci un commento

invia